Spettacoli laser

Ordinanza sugli stimoli sonori e i raggi laser
Rispettare la norma sulla sicurezza degli impianti laser
Rispettare i valori limite
Notificare la manifestazione


Ordinanza sugli stimoli sonori e i raggi laser

La protezione del pubblico presente a manifestazioni nelle quali viene esposto a stimoli sonori prodotti o amplificati per via elettroacustica oppure a raggi laser, viene regolamentata dall’Ordinanza sugli stimoli sonori e i raggi laser (OSLa).

La Sezione 3 dell’Ordinanza concerne i raggi laser (v. artt. 10 e 11 OSLa)

Nach oben


Rispettare la norma sulla sicurezza degli impianti laser

Concezione, installazione ed esercizio di un impianto laser devono essere presi in carico da persone esperte e dovutamente formate. Per la costruzione e la messa in esercizio dell’impianto dev’essere rispettata la direttiva tecnica sulla sicurezza degli impianti laser (Norma IEC 60825-3). Il responsabile della sicurezza laser deve disporre, sul luogo in cui la manifestazione viene tenuta, di un dossier di sicurezza sulla proiezione laser, che indichi in maniera completa e dettagliata come la sicurezza sia garantita. Il dossier di sicurezza deve essere attualizzato in ogni fase di realizzazione della proiezione laser (concetto, pianificazione, installazione, posizionamento, regolazione ed esercizio).

I seguenti punti devono essere rispettati per garantire la sicurezza del pubblico in qualsiasi tipo di manifestazione con raggi laser:

  • L’installazione, la messa in servizio e la sorveglianza dell’impianto laser devono essere prese in carico da personale specialistico qualificato.
  • L’impianto laser è messo in sicurezza con una chiusura a chiave o codice.
  • L’impianto laser resta inaccessibile per il pubblico.
  • L’impianto laser, inclusi gli accessori (ad es. gli specchi esterni), è fissato in modo tale da non poter essere spostato da eventi imprevisti.
  • L’impianto laser è provvisto di un interruttore di spegnimento di sicurezza.
  • Il pubblico non è esposto al rischio di riflessioni su oggetti riflettenti.
  • Durante una manifestazione non possono essere eseguite modifiche delle impostazioni o correzioni di traiettoria del raggio.
  • In caso di emergenza (ad esempio interruzione di corrente) il singolo fascio diretto deve passare sopra un’altezza di almeno 2,5 metri all’interno di un locale e di 5 metri all’esterno, e/o essere intercettato da otturatore (blocco d’uscita).
  • Se durante una manifestazione dei raggi raggiungono l’area del pubblico, la loro innocuità deve venire comprovata e/o giustificata.
  • In base alla situazione, si deve richiamare l’attenzione sulla pericolosità dei raggi laser tramite cartelli di avvertimento e dati sull’irradiazione.

Nach oben


Rispettare i valori limite

L’irradiazione laser nel settore del pubblico non può avere potenza maggiore dei valori di irradiazione massima ammessa (valori MPE) secondo la Norma IEC 60825-1. Per settore del pubblico si intende l’area cui il pubblico può accedere, più 3 metri in altezza e 2,5 metri in larghezza. Se i raggi laser non attraversano il settore del pubblico, non esiste per esso un pericolo, nella misura in cui l’impianto laser sia montato in modo stabile e non si trovino oggetti riflettenti lungo le direttive di irradiazione.

Misurazioni in tempo reale con LASRA

Fino ad oggi è stato molto difficile valutare il potenziale di pericolosità di uno spettacolo laser completo. Per questo motivo l’Istituto federale di metrologia (METAS) in collaborazione con l’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha sviluppato un nuovo sistema di valutazione: il Laser Show Risk Analyzer (LASRA). Con il LASRA è possibile misurare e verificare sul posto nel settore del pubblico lo spettacolo laser pianificato nella sua interezza. Se lo show supera i valori limite possono essere cercate con gli organizzatori le soluzioni del caso. Spesso piccoli aggiustamenti tecnici sono sufficienti per minimizzare il rischio e rispettare i valori limite imposti dall’OSLa. In tal modo è possibile mettere in atto degli spettacoli laser sicuri senza che sia necessario far ricorso a divieti.

Nach oben


Notificare la manifestazione

Le manifestazioni con impianti laser delle classi 1M, 2M, 3R, 3B o 4 devono essere notificate all’Autorità esecutiva (in tedesco )al più tardi 14 giorni prima del loro svolgimento. Se l’Ufficio competente non dispone di un formulario di notifica apposito, nell’annuncio devono essere date per lo meno le seguenti indicazioni:

  • luogo di svolgimento e tipo di manifestazione
  • data, ora d’inizio e durata della manifestazione
  • nome e indirizzo dell’organizzatore
  • luogo e orari dell’utilizzazione degli impianti laser
  • classificazione degli impianti laser che si intende utilizzare
  • informazione se il settore destinato al pubblico durante la manifestazione viene attraversato direttamente o indirettamente da raggi laser
  • pianta del luogo di svolgimento della manifestazione, con indicazione del settore del pubblico e di tutte le distanze di sicurezza
  • nome e reperibilità della persona responsabile sul luogo della manifestazione

L’UFSP fornisce informazioni agli organizzatori con questa (in tedesco) pubblicazione (in tedesco) tra l’altro sulle misure richieste e le esigenze in materia di pianificazione, installazione ed esercizio degli impianti laser in una manifestazione.

Nach oben

Fonte immagine

Fig. 2: Grand-Duc, Wikipedia. Lizenz: CC BY-SA 3.0

Lasershow Figura 1: Per le manifestazioni con raggi laser fa testo l’Ordinanza sugli stimoli sonori e i raggi laser. Lasershow
Figura 2: Il LASRA permette di misurare l’esposizione allo spettacolo laser sul posto nel settore del pubblico. Lasershow Figura 3: Gli spettacoli laser devono essere annunciati all’autorità competente al più tardi 14 giorni prima del loro svolgimento.